cosa vedere ad aosta

Si tende a pensare che Aosta sia una cittadina in grado di offrire soltanto montagne, neve e impianti sciistici.

In realtà, nonostante l’eccellenza in questi settori, Aosta è prevalentemente una città d’arte sorprendente, con un patrimonio architettonico e culturale davvero interessante.

Cosa vedere ad Aosta: sulle orme dei Romani

La cultura e l’architettura dell’antica Roma hanno lasciato un’eredità artistica di tutto rispetto ad Aosta.

Un itinerario consigliato prevede infatti una bella passeggiata nel percorso dell’Augustra Praetoria.

Si inizia dall’Arco di Augusto (costruito nel lontanissimo 25 a.C), la porta d’accesso al delizioso centro storico (tutto pedonale) di Aosta, e si arriva fino alla Porta Praetoria (l’antichissimo ingresso orientale alla città).

Lo si fa attraversando una piacevolissima viuzza lastricata e ricca di botteghe artigiane con le insegne in francese, la via S.Anselmo.

Superata la Porta Praetoria vale la pena visitare il maestoso teatro antico Romano.

Costituito da tre ordini di arcate sovrapposte, con una facciata di 22 metri, un proscenio di 45 metri e le montagne innevate sullo sfondo è una tappa imperdibile.

Nell’itinerario romano vanno necessariamente inclusi anche il Ponte Romano, l’area funeraria di Porta Decumana, e – soprattutto – il criptoportico forense.

Il criptoportico forense è probabilmente l’emblema della grandiosità di questa antica dominazione.

È costituito da una galleria di marmo che, anticamente, serviva a congiungere i templi dedicati all’Imperatore Augusto e agli dei Giove, Giunone e Minerva.

Cosa vedere ad Aosta: le chiese e la piazza

L’arte di Aosta si esprime anche attraverso le chiese, da sempre simbolo del nostro paese.

Meritano una visita la cattedrale di Santa Maria Assunta e la basilica di San Lorenzo.

La prima, con i suoi campanili, alti 60 metri, è tra le costruzioni più alte dell’intera Valle d’Aosta. La seconda è tra le chiese più antiche d’Italia in quanto risale al quinto secolo.

La cattedrale di Santa Maria Assunta contiene al suo interno tesori di vario tipo: dagli affreschi dell’XI secolo alle splendide vetrate artistiche risalenti al quindicesimo secolo passando per i due preziosi mosaici (XII e al XIV secolo) raffiguranti il ciclo dei mesi e i quattro fiumi del Paradiso Terrestre.

Suggestiva la visita al chiostro di Sant’Orso che, con i suoi 40 capitelli che illustrano scene del Vangelo, vi riporterà agli albori dell’anno mille.

Simbolo imperdibile d’Aosta è la piazza Chanoux, dedicato all’omonimo martire ucciso dai nazisti nel 1944.

Piazza Chanoux è circondata da splendidi palazzi e incorniciata dalle Alpi.

Da qui partono le vie dello shopping di Aosta, ideali per una rilassante passeggiata.

Scoprite Aosta: una città in grado di raccontare tante storie diverse, tutte bellissime.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>